DOMENICA 2 APRILE 2017 

CHIESA CATTEDRALE S. PANCRAZIO - ALBANO - ORE 18

MESSA DI SUFFRAGIO PER FRANZ LISZT

Un-intenso-primo-piano-di-Franz-Liszt


IN RICORDO DEL PIANISTA E COMPOSITORE

CANONICO ONORARIO NEL 1879 DELLA CHIESA CATTEDRALE DI ALBANO

A RIPRESA DELL'ANICA TRADIZIONE DI UNA MESSA ANNUALE

A 130 ANNI DALLA PRIMA MESSA INDETTA NEL 1887

LUIGI CIUFFA, ORGANO

CHIARA DE SANTIS, VIOLONCELLO

DSC_2966

Si è conclusa con una standing ovation la 30° edizione del Festival Liszt di Albano.   Il violinista Antala Szalai considerato  il migliore violinista zigano del mondo insieme alla prestigiosa Orchestra  Tzigana di Budapest ha ricevuto dopo la sua altissima e strabiliante esecuzione una interminabile richiesta di bis da parte di un pubblico che ha occupato tutti gli spazi possibili della sala nobile di Palazzo Savelli e delle sale adiacenti. Viva soddisfazione  del direttore artistico Maurizio D’Alessandro che a conclusione  ha espresso l’entusiasmo per questo festival  diventato negli anni una eccellenza italiana. D’Alessandro ha altresì riportato i saluti dell’Ambasciata d’ Ungheria  - rappresentata in sala da personale diplomatico- e della stessa Accademia in Roma con la quale verrà potenziato la collaborazione nella prossima edizione del festival.  Soddisfazione anche per l'amministrazione comunale che ha contribuito al festival. Altissimo lo standard degli artisti (solisti, ensemble e orchestra che hanno partecipato); raffinati e rari i programmi musicali ascoltati.  Il pubblico notevolmente aumentato durante tutti i concerti del festival,  proveniente anche da fuori regione (oltre duemilacinquecento tra partecipanti e richieste di partecipazione purtroppo non tutte esaudite per ragioni di spazio) ha sottolineato con la sua  presenza  le ricezione  dei contenuti della manifestazione  volti alla diffusione di vera cultura e quindi fuori da logiche di mero spettacolo.

Rai_isoradioGiovedì 29 dicembre 2016  ore 14.35 per la Rubrica Cultura on the road

Il Festival Liszt di Albano su RAI IsoRadio - fm 103.3

Intervista a Maurizio D'Alessandro Direttore Artistico del Festival

Logo_Festival_Liszt_Albano

Le Settimane musicali lisztiane di Albano sono  state ideate nel 1986 dal musicista Maurizio D’Alessandro per ricordare il rapporto che Franz Liszt ebbe con Albano (Castelli Romani) già a partire dal suo primo viaggio in Italia nel 1839, rapporto che venne intensificato successivamente dagli anni sessanta dell’Ottocento quando il compositore e pianista ungherese prese residenza a Roma. Come ben sappiamo successivamente alla presa degli ordini minori da parte di Liszt il Capitolo della Cattedrale di Albano lo nominò Canonico Onorario nel 1879.

Il primo concerto che pertanto ha avuto lo scopo di ricordare questa illustre presenza ad Albano venne tenuto nel 1986 dal pianista ungherese Csaba Kiraly e per l’occasione si tenne anche una mostra documentaria in collaborazione con l’Accademia d’Ungheria in Roma.

Una serie di vicissitudini hanno fatto si che il ciclo dei concerti lisztiani subisse delle interruzioni, fino a quando l’Associazione Amici della Musica Cesare De Sanctis di Albano sotto la spinta propulsiva  e la guida artistica di Maurizio D’Alessandro ha pianificato un progetto vòlto alla realizzazione sistematica di concerti incentrati su Liszt e intorno al cosmo Liszt. L’associazione  Amici della Musica Cesare De Sanctis per le attività concertistiche e di ricerca nondimeno che per la continuità,  è ritenuta la più autorevole nell’area dei Castelli Romani.

Notevoli le attività concertistiche e musicologiche che sono state svolte in questi anni. I luoghi in cui concerti sono stati eseguiti sono per così dire i luoghi effettivamente frequentati da Liszt ad Albano, ovvero Palazzo Lercari (Palazzo Vescovile) e la Chiesa Cattedrale di S.Pancrazio, oltre alla sede di Palazzo Savelli.

Recentemente le Settimane musicali lisztiane hanno assunto la denominazione di Franz Liszt Festival Settimane musicali lisztiane. Da qualche anno, inoltre, al fine di dare risalto ai luoghi lisztiani intorno a Roma, il festival svolge i suoi concerti oltre che ad Albano anche a Tivoli e Castel Gandolfo.

Il livello raggiunto dal Festival, per gradiente di pubblico sempre più numeroso e di critica, è tale da porlo come uno dei più qualificati festival dedicati nonché uno dei pochissimi in Italia e apprezzato anche all’estero essendo per questo citato nel convegno internazionale di Stutgart (Germania) nel 2007 e Sopron (Ungheria) nel 2008 e a Parigi (2009). La Radio Vaticana vi ha dedicato diverse  trasmissioni. Nel 2010 la televisione tedesca e quella ungherese hanno realizzato riprese in concomitanza con l'esecuzione nella Cattedrale di Albano della Missa solemnis nella versione vaticana curata dalla Liszt Gesellshaft Eschweiler. 

Il 30 gennaio 2011 il Festival Liszt ha ricevuto dal Consiglio Comunale di Albano con approvazione unanime l'ambito riconoscimento di "manifestazione di interesse cittadino" per l'alto livello culturale volto alla divulgazione della musica.

Il Franz Liszt Festival di Albano è entrato a fare parte del Comitato Italiano per il Bicentenario Lisztiano per il 2011, ed è partner del Franz  Liszt Gesellschatf Eschweiler (Germania) della Fondazione Istituto Liszt - Bologna. Per volontà dell'Ambasciata di Ungheria è stato inserito nel novero delle attività per l'Anno Culturale Ungheria-Italia 2013. 

Nel 2014 Radio Classica Milano Finanza dedicandovi una trasmissione lo definisce come festival di eccellenza in Italia.

Il festival beneficia  da tempo del patrocinio e della collaborazione dell’Accademia d’Ungheria in Roma, del Museo Liszt di Budapest, nonché di quella con la Cattedra di Estetica e filosofia della musica dell’Università degli Studi di Roma Tor Vergata, oltre naturalmente  alla stretta  collaborazione dei Comuni di Albano, Castel  Gandolfo e Tivoli e della Curia Vescovile di Albano.

Il Festival è stato realizzato anche con il contributo della Regione Lazio e con il patrocinio della Provincia di Roma